Recensione. Nokia 6. Un buon telefono di fascia media

. Un marchio storico, che da qualche tempo, grazie ad HMD Global è tornato presente sul territorio, con dispositivi di fascia media e medio-alta decisamente ben realizzati. E’ questo il caso anche del Nokia 6, gentilmente inviatoci in test e di cui parleremo brevemente in questo post.

CONFEZIONE E SPECIFICHE TECNICHE

Iniziamo analizzando la confezione e le principali specifiche. Per quel che riguarda la prima, è nella norma, con  cuffie di media qualità, un caricabatterie standard (da 1 ampere, un po’ lento) e un cavo micro-USB.

Per quel che concerne invece le specifiche tecniche:

  • Corpo: Corpo in alluminio, con vetro Gorilla Glass 32.5D.
  • Display: LCD IPS da 5,5″ Full HD (1.920×1.080 px), 403ppi.
  • Fotocamera posteriore: 16MP, dimensione pixel 1.0µm, apertura f/2.0, autofocus di rilevamento di fase; flash bicolore dual-LED; registrazione video 1080p.
  • Fotocamera anteriore: 8MP, dimensione pixel 1.12µm, apertura f/2.0, autofocus; registrazione video 1080p.
  • OS: Android 7.1.2 e presto Android Oreo.
  • Chipset: Qualcomm Snapdragon 430; CPU Cortex-A53 da 1.4GHz otta-core, Adreno 505 GPU.
  • Memoria: 3GB/4GB di RAM; 32GB/64GB di storage.
  • Batteria: 3.000mAh, integrata.
  • Connettività: Dual-SIM; Cat. 4 LTE (150/50Mbps); microUSB 2.0; Wi-Fi a/b/g/n/ac; GPS; Bluetooth 4.1; Radio FM; NFC.
  • Varie: Lettore di impronte digitali; lettore microSD ibrido/secondo slot SIM; doppio altoparlante; jack da 3,5 mm.

La prima cosa che balza agli occhi, provando il , è che si tratta di uno solido. Lo chassis unibody in alluminio è super resistente ed è subito chiaro che il Nokia 6 è uno smartphone costruito per durare. L’alluminio a volte tende a essere un po’ scivoloso, ma i bordi piatti dello smartphone Nokia 6 aiutano immensamente, a tale proposito.

DISPLAY

Il display Full HD del telefono è luminoso e ben leggibile alla luce del sole, con un discreto contrasto. Il Nokia 6 è alimentata da una batteria da 3.000 mAh – non esattamente potentissima, ma sufficiente ad arrivare a sera, soprattutto se non si utilizzano troppo i video.

SISTEMA OPERATIVO

Per quel che riguarda Android, una delle principali qualità dei telefoni Nokia è il fatto di essere aggiornati una volta al mese, una promessa a cui il produttore non è finora mai venuto meno. Alcuni giorni dopo aver ricevuto il dispositivo, infatti, è stato rilasciato un aggiornamento che lo ha portato ad Android 7.1.2.

L’interfaccia utente è quella stock di Android, con delle leggerissime personalizzazioni legate al brand Nokia. Una delle più comode, a nostro avviso, è quella che consente di lanciare la fotocamera spingendo due volte il pulsante di accensione (va abilitata nelle impostazioni).

E’ la home la parte più caratteristica del telefono. Tutte le icone del sistema e le app preinstallate sono tematizzate con il classico colore ‘blu Nokia’, e sono tutte rotonde. Tutte le app di terze parti conservano invece la propria icona – il launcher Nokia non applica loro alcuna modifica. Anche se in questo modo sono riconoscibili, si perde un po’ l’idea della personalizzazione completa anche perché, purtroppo, non è possibile installare altri temi complementari.  Per aprire l’elenco delle icone occorre scorrere la docking del telefono verso l’alto. Non esiste altro modo (salvo, ovviamente, installare un launcher alternativo).

Naturalmente, dato che c’ è un supporto per le cartelle anche sulla schermata home, è possibile organizzare tutto lì e semplicemente dimenticare il Pixel-come strisciare verso l’ alto per aprire il cassetto.

AUDIO

Comparto sonoro interessante, anche per perché la capsula auricolare viene utilizzata come secondo speaker per un audio stereo. Ovviamente quello principale è più potente, ma l’effetto stereo è comunque apprezzabile. Presente la Radio FM.

PRESTAZIONI

Strana la scelta di equipaggiare il telefono solamente con un chip Snapdragon 430 – decente ma normalmente utilizzato su soluzioni di fascia bassa e non recentissimo (ora è superato dal successore Snapdragon 435). A nostro avviso sarebbe stato molto meglio servirsi di un SOC della serie Snapdragon 6xx, che avrebbe reso il telefono ancora più competitivo.

FOTOCAMERA

Buone le prestazioni fotografiche. Il Nokia 6 è dotato di un sensore da 16MP con apertura f/2,0. La messa a fuoco è gestita dal rilevamento di fase, ed è presente un doppio LED lampeggiante per aiutare al buio. L’app fotocamera è quella presente su tutti i telefoni Nokia recenti. L’interfaccia è semplicissima: basta premere il pulsante di scatto in basso, passare alla modalità video, e c’è una scorciatoia alla galleria dall’altro lato. Presente anche la possibilità di scegliere tra modalità normale, panorama o ritocco. Non manca, ovviamente, la possibilità di (dis)attivare il flash, l’HDR, l’autoscatto e di switchae tra fotocamera anteriore e posteriore. Disponibile anche una ‘modalità manuale’, con funzionalità quali compensazione dell’ esposizione, bilanciamento del bianco, selettore di messa a fuoco.

Buona anche la qualità dei selfie effettuati con la fotocamera anteriore da 8 megapixel, dotata di autofocus, e la qualità dei video, con filmati nitidi, con colori più vivaci e un buon contrasto.

CONCLUSIONI

Che dire di questo Nokia 6? Non sarà un mostro di potenza, ma ci è piaciuto. Lo si può trovare in vendita a partire da circa 190€. Rispetto alla maggior parte dei concorrenti in questa fascia di prezzo, spesso dotati di CPU più performanti, è dotato di un comparto fotografico superiore, e di una qualità costruttiva apprezzabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *